Archivi tag: Gabriella Ebano

Ribera Social Forum – I video dello speciale di TRS e del servizio di Telejato

Ribera Social Forum

Lo speciale di “Cartabianca” andato in onda su TRS:

Il servizio di Pino Maniàci su Telejato:

Annunci

Ribera Social Forum. “Mafia e Comunicazione”. I video degli interventi

Ribera Social ForumMafia e Comunicazione

“Cine Teatro Lupo” – Ribera – 18 febbraio 2011

Prof.Ida Abate e Pino Di Lucia:

Pino Maniaci:

Gabriella Ebano:

Gero Tedesco e interventi dal pubblico:

Ottima riuscita del Ribera Social Forum

Ribera Social Forum - Racket e AntiracketL’Associazione “SOS Democrazia” ringrazia vivamente tutti coloro che hanno permesso la realizzazione della 1^ edizione del “Ribera Social Forum: Educare alla Legalità”, in particolar modo i relatori Salvatore Vella, Carmelo Mirinnino, Giuseppe Lumia, Ida Abate, Ignazio Cutrò, Gabriella Ebano, Pino Maniàci, Gero Tedesco, e il giornalista Michele Ruvolo che ha moderato con estrema professionalità.

Siamo soddisfatti dell’ottima riuscita della manifestazione, che ha visto la partecipazione di centinaia di studenti, di giornalisti e di semplici cittadini. Ciò dimostra che parlare di mafia a Ribera non è più un tabù e che le giovani generazioni hanno a cuore il tema della legalità.

Sapere che l’impRibera Social Forumresa di Ignazio Cutrò dopo anni di inattività, a causa delle denunce ai suoi estorsori, potrà iniziare a lavorare ci rende particolarmente felici. Per questo ringraziamo il Sen. Giuseppe Lumia per la sensibilità dimostrata nei confronti della famiglia Cutrò, alla quale vogliamo essere vicini.

Tuttavia non possiamo non manifestare il nostro rammarico per l’assenza, nonostante il nostro invito, della stragrande maggioranza Ribera Social Forumdei consiglieri comunali, in particolar modo dei più giovani, e del Presidente del Consiglio Comunale di Ribera. Ritenendo che soprattutto le Istituzioni debbano farsi promotori della cultura dell’Antimafia, la presenza compatta dei rappresentanti politici riberesi, alle due giornate sulla legalità, sarebbe stato un segnale chiaro e forte per la cittadinanza e le giovani generazioni.

L’Associazione “SOS Democrazia”