Archivi tag: carmelo pace

Eccellente, Pace

BOLLETTA1500

In riferimento all’audizione tenutasi in Commissione “Ambiente e Territorio” dell’Assemblea Regionale Siciliana sulla gestione da parte di Girgenti Acque del servizio idrico, nel ringraziare l’On.Margherita La Rocca Ruvolo e l’On. Matteo Mangiacavallo per l’impegno e la determinazione con le quali si stanno spendendo in favore delle collettività, siamo rimasti assai colpiti, ma non stupiti, dalle dichiarazioni del Sindaco Pace che ha definito il servizio offerto da Girgenti Acque ECCELLENTE.

La superiore presa di posizione è quantomeno discutibile (per non dire priva di alcun serio ancoraggio alla realtà quotidiana) ma ha il pregio di fare finalmente chiarezza: CARMELO PACE STA DALLA PARTE DI GIRGENTI ACQUE.

E, del resto, che Pace stesse dalla parte di Girgenti Acque è cosa nota almeno da quando, nel corso del Consiglio d’Amministrazione dell’Ato idrico di cui lui faceva parte, approvò i nuovi piani tariffari.
Però, quando Pace definisce ECCELLENTE il servizio offerto da Girgenti Acque dimentica quello che egli stesso dichiarò il 16/10/2013: “Nel centro crispino – aggiunge Pace – è in corso in questi mesi una profonda riflessione da parte del Consiglio Comunale e Amministrazione sulla gestione dell’acqua da parte della Girgenti Acque e sul nuovo ruolo che essa dovrà assumere nella nostra Ribera. E’ indispensabile, presa ormai coscienza del problema, passare subito dalle parole ai fatti. Tutte le forze politiche stanno contribuendo a questa riflessione collettiva, discutendo e condividendo fra loro le varie problematiche sulla Girgenti Acque, proponendo azioni concrete da mettere subito in campo” (fonte Corriere di Sciacca, 16/10/2013).

Dimentica, che il 13.10.2013 a seguito di riunione tra Sindaco e forze politiche presenti in Consiglio Comunale si affermava che “Non è più sostenibile un atteggiamento della Girgenti Acque farcito di arroganza nei confronti dei cittadini. Non è possibile ricevere fatture esose, spesso replicate. Non è possibile che una società che ha in gestione il bene vitale della persona possa bistrattare i cittadini “ (fonte Corriere di Sciacca, 13/10/2013).

Dimentica, che il 07.10.2013 ebbe a dichiarare “Abbiamo scoperto che spesso capita che le bollette siano calcolate sulla base di letture dei contatori che poi, si rivelano essere inesatte…. Siamo dell’idea che servano iniziative importanti finalizzate a sensibilizzare le istituzioni affinché la gestione del servizio idrico ritorni ad essere pubblico. Non capiamo, infatti, perché nonostante il risultato del referendum sia stato chiaro, ancora non si sia fatto nulla per attuare il passaggio del servizio da privato a pubblico. Crediamo che tutto ciò debba essere fatto al più presto, ma nell’attesa, auspichiamo che già nelle prossime ore vengano compiute azioni che migliorino l’attuale servizio” (fonte Corriere di Sciacca, 07/10/2013).

Dimentica, il suo Comunicato Stampa datato 02.08.2013 in cui affermava “Alla luce delle problematiche relative ai recenti scoppi fognari, alle bollette esose che continuano ad essere recapitate ad alcuni utenti, alle lunghe ore di attesa che si registrano ogni settimana presso lo sportello riberese, ho convocato la Girgenti Acque presso il Palazzo di Città” (fonte SicaniaNews, 02/08/2013).
E che dire della denuncia che lo stesso Sindaco è stato costretto a presentare proprio a causa dei disservizi di Girgenti Acque?
Però, secondo Pace, il servizio offerto da Girgenti Acque è ECCELLENTE.

Non è che questo giudizio di Pace è collegato alle accuse (il 15.10.2013) di Girgenti Acque al mondo politico di averla usata “solo quando gli faceva comodo”, di aver “cavalcato l’onda Girgenti Acque per avere visibilità, per ottenere consensi che si trasformano in voti”,di averla sfruttata “solo ed esclusivamente a proprio vantaggio” ?

IL PONTE, SOS DEMOCRAZIA, SORA ACQUA, IL MEGAFONO-LISTA CROCETTA RIBERA, RIBERA 5 STELLE, SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’, PARTITO DEMOCRATICO

Annunci

Ribera, SOS Democrazia: “Pace superficiale su Girgenti Acque, chiederemo le carte”

I costi dell’acqua alle stelle, i frequenti disservizi, le continue rotture della condotta fognaria e la mancanza di trasparenza degli atti ci impongono di agire con forza.

Consideriamo inaccettabile la superficialità e la mancanza di concretezza con le quali il Sindaco Pace sta affrontando la vicenda relativa alla gestione del Servizio Idrico Integrato nel nostro territorio.

Carmelo Pace

E’ giunto il momento di fare la necessaria chiarezza. Nei prossimi giorni invieremo una richiesta di accesso agli atti, al Commissario dell’Ato idrico Ag 9, per richiedere una serie di documenti necessari a comprendere le dinamiche di gestione dell’Ente gestore e l’efficenza o meno dei controlli effettuati dall’Autorità d’ambito in questi anni. Gli Enti locali, attraverso i Sindaci, hanno svolto funzioni importanti nell’organizzazione e controllo del servizio idrico integrato.

E’ necessario capire, ad esempio, se chi rappresentava la nostra città all’interno dell’Ato idrico abbia compiuto i doverosi passaggi amministrativi per l’accertamento dei disservizi, l’applicazione delle penali e l’applicazione del contratto di servizio.

Chiederemo di ricevere, fra le altre cose, copia del contratto di servizio e dei libri sociali dell’Ato, l’elenco dei dipendenti e delle consulenze dell’Ente gestore e delle sue partecipate.

Chi gestisce un servizio pubblico così delicato deve agire con la massima trasparenza e rendere pubblici tutti gli atti, al fine anche, di diradare la ridda di voci che avvolge questa vicenda.

A fuoco discarica abusiva a Seccagrande. Si bonifichi la foce del fiume Magazzolo

Magazzolo 2013

E’ ancora emergenza rifiuti a Ribera. Ieri due incendi hanno bruciato i cumuli di immondizia che ogni anno infestano gli argini del fiume Magazzolo nel tratto di strada che collega la località balneare di Seccagrande a quella di Borgo Bonsignore.

Fumi tossici hanno avvelenato l’aria per ore e il traffico è stato parzialmente bloccato per consentire agli operatori del corpo forestale di spegnere le fiamme.

Da tre anni segnaliamo pubblicamente il degrado e l’inquinamento di questa zona, ma nulla è cambiato.

I cittadini continuano a gettare i rifiuti lungo il fiume Magazzolo ignorando i danni che ciò può provocare all’ambiente e alla salute, e l’amministrazione comunale non interviene presso la Sogeir per la raccolta e la bonifica della zona posta a poche decine di metri dal centro abitato.

Come può il sindaco parlare ancora di turismo? Quale turista ritornerebbe in un posto in cui l’immondizia è sparsa ovunque?

Chiediamo per l’ennesima volta al sindaco Carmelo Pace di intervenire immediatamente attraverso la Sogeir affinché la foce del fiume Magazzolo venga ripulita dal pattume e vengano adottate misure volte a prevenire l’abbandono selvaggio dei rifiuti.

Il Consiglio Direttivo – Associazione “SOS Democrazia”

Magazzolo 2013

Magazzolo incendio