“S.O.S. Democrazia: ‘A Ribera candidato fantoccio per far vincere il vice-presidente della Provincia Carmelo Pace'”

SOS Democrazia striscione

C’è molto fermento a Ribera per la settimana conclusiva prima delle elezioni. Mancano pochi giorni all’election day ma non si placano le polemiche relative alla candidatura definita “sospetta” da alcuni movimenti riberesi. Abbiamo chiesto ai ragazzi riberesi di “S.O.S. Democrazia”, che in questi giorni si sono resi protagonisti di forme di protesta non condivise dagli uomini vicini al candidato Carmelo Pace cosa ne pensassero.

Uno dei componenti del gruppo, Pellegrino Di Lucia, ha risposto alle nostre domande.

Cosa è il movimento SOS Democrazia e che orientamento politico, ammesso che ne abbia uno, ha il movimento?

S.O.S. DEMOCRAZIA è un comitato cittadino apartitico, siamo distanti dalla politica ma non per questo ci allontaniamo dai problemi della città.

Cosa sta accadendo a Ribera durante questa ultima campagna elettorale?

Varie vicende che hanno portato alla presentazione di un unico candidato a sindaco, Carmelo Pace (UDC), con una grande alleanza composta dai maggiori schieramenti e forze politiche, ciò avrebbe comportato, come legge recita, al raggiungimento del quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto per l’elezione del suddetto. Il nostro comitato si batte per la difesa della democrazia violata dalla presentazione della candidatura “fantoccio”, anch’essi espressione dell’ UDC (Calogero Smeraglia), e della relativa lista di sostegno, dove candidati al consiglio comunale troviamo tra gli altri la mamma e la moglie di Pace (Uniti Si Vince). Operazione che ha svuotato il significato del voto e privato i cittadini del diritto di scelta, visto il palese aggiramento della legge, confessato dallo stesso Pace nelle varie interviste, e nelle televisioni locali.

Ma è vero, come ha riferito attraverso un comunicato l’eurodeputato Sonia Alfano, che c’è stato un tentativo di aggressione nei vostri confronti durante un comizio del candidato Pace? Cosa stavate facendo di così irritante?

La nostra è una protesta civile, silenziosa e democratica. I ragazzi del comitato si limitano ad esporre il proprio striscione, in rispettoso silenzio, nei comizi tenuti nelle piazze e vari quartieri della cittadina. In uno di questi abbiamo subito un’assurda aggressione da parte di un signore partecipante al comizio: per ben due volte ci ha aggrediti per tentar di impedirci di manifestare il nostro pensiero. La cosa che più ci ha colpiti ed indignati è stato il silenzio che dal palco è arrivato, in nessun modo ci è stato dato aiuto, l’oratore di turno ha ignorato l’accaduto ed ha continuato il suo discorso, tantomeno chi lo ha succeduto si è preso la briga di prendere le distanze dal gesto violento subito.

Quale potrebbero essere i risvolti politico-amministrativi successivamente all’elezione di Carmelo pace a sindaco di Ribera secondo voi?

Qualunque sia il proseguo di queste assurde elezioni, di certo verranno a mancare principi fondamentali della democrazia, ovvero, il confronto tra maggioranza e opposizione e il pluralismo, necessario e fondamentale per una equa rappresentazione popolare.

Quanto ha pesato secondo voi il supporto dell’on. Giuseppe Ruvolo in questa campagna elettorale?

L’on. Ruvolo in quanto Istituzione e quindi, STATO, avrebbe dovuto evitare categoricamente l’aggiramento della legge per la facile presa del palazzo di città, da parte del nipote Carmelo Pace e della sua ampia coalizione.

Perchè il Partito Democratico e l’Italia dei Valori non hanno presentato candidati? Non dovrebbero recitare un mea culpa questi due partiti di opposizione invece di contestare sterilmente con scialbi comunicati stampa la candidatura di Pace?

Queste sono questioni di carattere puramente partitico, che, al comitato non riguardano ne tantomeno lo competono, PD e IDV faranno le loro analisi e considerazioni nelle loro rispettive sedi e con il loro rispettivo elettorato.

Pace secondo voi vincerà queste elezioni e se si che prospettive immaginate per il futuro della vostra cittadina?

Pace si è eletto sindaco il 5 maggio alla presentazione delle liste, per evitare ciò c’è solo una strada percorribile, l’annullamento delle elezioni.

La vostra prossima mossa?

Il comitato SOS DEMOCRAZIA alla grande farfuglia di venditori di illusioni non risponde alle sterili prove di deridere chi rappresenta il sacro diritto del voto e della democrazia. Le favole possono solo continuare a raccontarle a chi, e siamo tristemente dispiaciuti per loro, ascoltano aspettando il contentino che li illuda di percepire un soffio di libertà. Il grillo parlante dovrebbe tornare da voi, sfacciati approfittatori del bene pubblico e dei bisogni altrui, e finalmente capire cosa siano onestà e senso civico.

Non comprendiamo queste parole…

E’ un retroscena accaduto ieri sera durante l’ennesimo comizio di Pace. Alcuni esponenti di un altro partito e dunque non vicini a noi, durante il comizio hanno fatto ascoltare la canzone di Pinocchio ai presenti. Dal palco sono arrivate alcune illazioni riferite a noi che non c’entravamo niente. In conclusione rimaniamo vigili e in questi giorni continueremo la nostra forma di protesta pacifica contro il “sistema” che vuole Pace sindaco.

Da www.laltraagrigento.it

Annunci

I commenti sono chiusi.